DAMMI TRE PAROLE.

LETTERA DALLA CARITAS APRILE 2024

 

Da diverso tempo si assiste ad un progressivo impoverimento del linguaggio. Il linguista Tullio De Mauro, attingendo alle sue ricerche, sostiene che nel 1976 un ragazzo medio dei primi anni del liceo conosceva all’incirca 1600 parole, ma già nel 1996 erano scese a circa 600/700, mentre oggi si stima siano diventate intorno alle 300. E’ evidente che, pensando in base alle parole di cui disponiamo, facciamo fatica ad elaborare delle idee, dei progetti, dei sogni. Si tratta allora di arricchire il nostro lessico, attingendo anche dalla fede pasquale, recuperando termini come “novità”, “speranza”, “bellezza”…

LETTERA DALLA CARITAS APRILE 2024 (1)

edd863da-c5f3-45a9-800d-07c5b9df0e06

Email this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPrint this page